IC PALLADIO

Mi racconto… e mi oriento

Orientamento e continuità rappresentano, insieme, una pratica educativa e didattica che la Scuola pone in essere pianificando e analizzando le proprie azioni rispetto a tre articolazioni dell’area tematica, attraverso le quali si mira a:  

  • assicurare la continuità educativa nel passaggio da un ordine di scuola all’altro
  • orientare gli studenti alla conoscenza del sé alla scelta degli indirizzi di studio successivi, al lavoro e alle professioni
  • arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici e formativi con l’acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro.

La scuola, in collaborazione con la famiglia, attraverso metodologie coinvolgenti e compiti autentici, accompagna lo studente verso l’innalzamento del livello di responsabilità e autonomia, nell’applicazione di conoscenze e abilità, affinché egli possa scegliere in modo consapevole, con la possibilità, tuttavia, di rivedere le scelte e di effettuare passaggi.

All’interno di tale processo,  acquista particolare significato la consegna, da parte della scuola, del consiglio orientativo, integrato dalla certificazione delle competenze, quel documento che permette di esplicitare il saper-fare degli studenti contribuendo ad orientarli verso scelte adeguate.

A sostenere le azioni di “orientamento”, le scuole possono avvalersi di risorse esterne, che contribuiscono ad ampliare l’offerta formativa dell’Istituto. In particolare, l’I.C. “Palladio” di Caorle collabora da tempo con:

– uno psicologo del lavoro, dott.ssa Sara Pauletto, che interviene nelle classi Seconde e Terze della Scuola secondaria di I grado per accompagnare gli alunni verso la loro prima scelta importante, soffermandosi sul concetto di obbligo formativo e obbligo scolastico, proponendo una panoramica degli istituti superiori e relative caratteristiche;

– il progetto “Educativa a Scuola”, nelle figure del Dott. Andrea Neri e del Dott. Matteo Pasqual, che si sviluppa nelle classi Seconde e Terze della Scuola secondaria di I grado toccando e approfondendo il tema della prima importante scelta e della possibilità di avere una scelta “di scorta”, al fine di trasmettere l’importanza di una nuova cultura dell’orientamento presso docenti e genitori, mediante un percorso finalizzato a favorire negli studenti lo sviluppo di quell’insieme di competenze auto-orientative necessarie per interagire efficacemente nella società complessa, in modo tale da poter assumere scelte più consapevoli e responsabili.

Fondamentale, per la qualità delle iniziative, è la sinergia con altre scuole e con i soggetti del territorio, per le rispettive competenze, attraverso la costituzione di reti, anche regionali.

Nei territori, ai vari livelli, sono promosse azioni per favorire gli incontri di scuole e studenti con i soggetti competenti in materia di orientamento. In particolare, è imprescindibile la collaborazione con gli Enti Locali e l’apertura da parte delle Scuole secondarie di I e II grado verso quello che potrà essere il percorso di studi successivo o l’accesso al mondo del lavoro. A tal proposito il nostro Istituto ritiene importante lanciare uno sguardo ai molteplici scenari che si presentano:

–  ITS e Università, per la prosecuzione nell’istruzione terziaria;

– camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura (CCIAA) e Parti Sociali, che riguardano le prospettive delle professioni e del lavoro.

Obiettivo principale del nostro Istituto sarà quello di far diventare l’ORIENTAMENTO, un PROCESSO EDUCATIVO INTERATTIVO, finalizzato a promuovere una felice sintesi tra tre variabili – attitudini, aspirazioni e dinamiche del mercato del lavoro – in modo tale da favorire l’elaborazione di un proprio PROGETTO DI VITA AUTONOMO, CONSAPEVOLE E RESPONSABILE.

Il percorso “Mi racconto… e mi oriento”: la nostra proposta PERCORSO ORIENTAMENTO

I nostri Fascicoli: ORIENTAMENTO_parte PRIMA_metodo di studio e di lavoro ; ORIENTAMENTO_parte SECONDA_La conoscenza di sé ; ORIENTAMENTO_parte TERZA_Alla scoperta delle Scuole sec. di II grado ; ORIENTAMENTO_parte QUARTA_Dopo la maturità